Incontriamoci al Festival di Internazionale a Ferrara

Bancanote Blog

Incontriamoci al Festival di Internazionale a Ferrara

3 Ottobre 2012

Oltre la crisi internazionale#Festival Internazionale Ferrara 2011

 

Poco più di un anno fa le persone scendevano in strada per protestare contro la crisi economica e finanziaria. Per farlo hanno scelto uno dei luoghi simbolo della finanza internazionale: Wall Street. Da allora in tutto il mondo sono esplosi movimenti per chiedere una finanza diversa unendo protesta e proposta. Da Move Your Money a Non con i miei soldi. Ci incontriamo il 6 ottobre al Festival di Internazionale a Ferrara per parlare del futuro che vogliamo. Oltre la crisi economico - finanziaria.

Un anno fa migliaia di persone scendevano in strada per protestare contro chi ha causato l'attuale crisi economica e finanziaria. Per farlo avevano scelto uno dei luoghi simbolo della finanza internazionale: Wall Street. E' la nascita del movimento “Occupy Wall Street” che sconvolge il dibattito internazionale, e, come affermato dal Premio Nobel per l'Economia Paul
Krugman, “focalizza l'indignazione verso le vere cause della crisi”. Un movimento contagioso, che dalla Spagna agli Stati Uniti, dall'Inghilterra al Canada, individua le cause dell'attuale disastro economico e sociale: il sistema finanziario internazionale e la debolezza della politica che ha spostato i debiti della speculazione dalle banche agli stati e conseguentemente ai cittadini, imponendo tagli, politiche recessive, riduzione dei sistemi di welfare. Una situazione economica pesantissima, soprattutto in un paese come la Grecia, dove la disoccupazione è ormai al 25% e la disoccupazione giovanile ha superato il 54%.

Ma questo movimento ha saputo unire la proposta alla protesta, comprendendo come, per cambiare le cose, fosse necessario iniziare a sostenere un sistema finanziario diverso. E' il caso di iniziative come “Move your money” in Inghilterra o negli Stati Uniti, o di “Non con i miei soldi” in Italia nate per invitare le persone a portare i prori risparmi presso le community banks, le credit unions o le banche etiche.

In Gran Bretagna oltre 500.000 persone hanno spostato i propri risparmi e conti correnti verso banche locali o etiche. La Charity Bank, storica istituzione di finanza etica inglese, ha avuto nel 2012 una crescita della raccolta di risparmio del 200%. La stessa Banca Etica in Italia ha registrato incrementi a due cifre nella raccolta di risparmio e di capitale sociale, raggiungendo una quota complessiva di 1 miliardo di euro. Entrambi gli istituti hanno mantenuto fede alle promesse: dare credito all'economia reale e civile con incrementi sul fronte dei prestiti erogati più che proporzionali rispetto alla raccolta di risparmio.

Per tutte le informazioni sul Festival: www.internazionale.it

Non con i miei soldi! Da occupy wall street alla finanza etica, il futuro oltre la crisi

Sabato 6 ottobre 2012 - Cinema Apollo, Ferrara – ore 16.30

Introducono

  • Paolo Beni (ARCI)
  • Claudia Vago (Social media curator)

Discutono

  • Ugo Biggeri (Banca Etica)
  • Shawn Carrié (Occupy Wall Street, USA)
  • Yorgos Avgeropoulos (giornalista, Grecia)
  • Malcolm Hayday (Charity Bank, Gran Bretagna)

Modera

  • Alessandro Spaventa (Internazionale)

PROFILI DEI RELATORI

Paolo Beni (Italia)
Presidente ARCI
Dal 2004 è Presidente Nazionale della Federazione ARCI e componente dell'Osservatorio Nazionale dell'Associazionismo di Promozione Sociale presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Dal 2005 è inoltre Consigliere del CNEL.

Claudia Vago - (Italia)
Social media curator
Appassionata di informazione, si è specializzata nel ruolo di social media curator, in particolare su Twitter. Tra gli ultimi progetti che ha coordinato è il sito internet yearinhashtag.com, una rassegna multimediale dei principali avvenimenti del 2011 attraverso tweet, foto e video circolati sui social media.

Shawn Carrié (USA)
Attivista di Occupy Wall Street
Attivista, scrittore ed esperto in comunicazione e nuovi media. Ha partecipato alla nascita del movimento "Occupy Wall Street" e da settembre 2011 è attivo nei gruppi di lavoro su Media, Stampa e Azione Diretta. Crede che questo movimento, che reclama spazi pubblici per la partecipazione, la cultura e la mutualità possa portare alla costruzione di un mondo migliore basato sui principi della democrazia diretta. Non si ritiene un idealista.

Ugo Biggeri (Italia)
Presidente di Banca Popolare Etica ed Etica sgr
Classe 1966. E’ laureato in fisica ed ha un Phd in ingegneria elettronica, una specializzazione in Fisica sanitaria presso l'Università di Firenze e ha ottenuto un titolo di perfezionamento in “Gestione ambientale: Sviluppo sostenibile” presso l'Università di Trento nel 1999. Prima di dedicarsi a tempo pieno alla finanza etica è stato volontario e presidente della Onlus Manitese. Ha fatto parte della delegazione governativa alla conferenza ministeriale dell'Organizzazione Mondiale del Commercio di Seattle (dicembre 1999), di Cancun (settembre 2003) e di Hong Kong (dicembre 2005) come rappresentante della società civile critica verso tale istituzione.

Yorgos Avgeropoulos (Grecia)
Giornalista e autore di documentari
Nato ad Atene nel 1971 è uno dei più autorevoli giornalisti della televisione pubblica Greca oltre che autore di diversi documentari. Da anni segue i più importanti fatti di coronava, politica ed economia in Grecia e nel resto del mondo. E’ stato anche corrispondente di guerra dalla Bosnia, dalla Croazia, Dall’Afghanistan, dall’Iraq, da Kosovo e dalla Palestina. Le sue serie di documentari hanno vinto molti prestigiosi premi giornalistici.

Malcolm Hayday (Gran Bretagna)
Fondatore ed ex Ceo della Charity Bank
E’ il fondatore della Cahrity Bank inglese impegnata da oltre 10 anni nel raccogliere risparmio da destinare al finanziamento delle organizzazioni del terzo settore britanniche. E’ membro del board ed ex-presidente di Inaise, un network internazionale di istituzione che si occupano di finanza responsabile con sede a Bruxelles. Prima di dedicarsi alla finanza etica ha lavorato per diverse istituzioni finanziarie della City di Londra.

Alessandro Spaventa
Amministratore Delegato di Internazionale
Alessandro Spaventa, amministratore delegato di Internazionale, è nato a Roma nel 1971. Dopo aver lavorato come consulente presso la Banca Mondiale e aver conseguito il Master in Economia all’Università di Oxford ha guidato l’Ufficio Studi di Business International occupandosi di Multinazionali e New Economy. In seguito ha avviato una start-up di consulenza e studi economici della quale è attualmente consigliere di amministrazione. Ha diretto la collana e-pensiero edita dalla Fazi Editore

LASCIA UN COMMENTO

CERCA BANCA ETICA VICINO A TE